copied 3d url is missing successfully copied to clipboard
  • DYNAFIT ONLINE STORE ufficiale
  • Reso gratuito entro 30 giorni
  • 55 % dei prodotti sono realizzati nelle Alpi

Big Triple di Bene Böhm: 3 cime, 3 Paesi, human powered – non stop!

Benedikt Böhm, Manager DYNAFIT e atleta speed, in una nuova avventura: “Big Triple” è il nome del nuovo progetto che lo vede nuovamente in lotta contro il tempo, fino ai suoi limiti fisici. Gli ingredienti: tre Quattromila, sci, mountain bike e un ambizioso limite di tempo. Appuntamento a fine aprile!

Il progetto: Big Triple

Tre Paesi, tre cime, non stop e senza l'aiuto di motori - così si può riassumere l’imminente impresa di Bene. L'alpinista estremo, 43 anni, non ha scelto cime qualsiasi, ma tre delle più celebri e impressionanti Quattromila d’Europa: Grand Combin, Gran Paradiso e Monte Bianco. Come se non bastasse, userà la mountain bike per spostarsi da una montagna all'altra, e “naturalmente” si è dato un limite di tempo: “fully human powered”, solo con le proprie forze, non stop e in meno di 30 ore. Non c’è che dire, dopo il successo della Speed Transalp e il record Speed sul Dhaulaghiri VII Bene si è di nuovo posto un obiettivo ambizioso. Nel tentativo di fissare un nuovo record, raggiungerà sicuramente i suoi limiti fisici e sarà affiancato da una squadra composta dai suoi compagni di avventure, che si alterneranno per accompagnarlo nelle singole tappe. 

L’itinerario: Grand Combin, Gran Paradiso e Monte Bianco.

Benedikt Böhm partirà da Bourg-Saint-Pierre, sulle Alpi Pennine svizzere, a quota 1.664 m, diretto verso il suo primo obiettivo, la cima del Grand Combin, a 4.314 m. In tutto dovrà percorrere 2.650 metri di dislivello positivo e negativo e coprire una distanza di 28 km. Subito dopo il manager DYNAFIT andrà in bici fino a Pont Valsavarenche, Val d’Aosta, per scalare i 4.061 m del Gran Paradiso. Il monte più alto d’Italia conta 2.190 metri di dislivello positivo e negativo e aggiunge ulteriori 23 km di percorso. Il gran finale attende Bene sul Monte Bianco. Dal Tunnel del Monte Bianco, a 1.300 m di altitudine, proseguirà verso il monte più alto d’Europa, 4.801 m. L’ultima tappa sarà anche la più ardua: 3600 metri in salita, 4.190 metri in discesa e un percorso di 23 km metteranno Bene a dura prova, prima di concludere l’impresa sulla piazza della chiesa di Chamonix.

 

Bene vuole concludere il suo “Big Triple” contando solo sulle sue forze, ossia rinunciando a qualsiasi tipo di aiuto meccanico. Il percorso fra le montagne lo affronterà in bicicletta, non appena le condizioni lo consentono, indosserà gli sci da sci alpinismo e correrà per il resto del percorso.

 

In totale il percorso conta:
11.900 metri di dislivello positivo
13.000 metri di dislivello negativo
200 km in totale
di cui 130 con la mountain bike
Non stop tutto d’un fiato, senza dormire o fare lunghe pause, tutto in meno di 30 ore.

 

“L’idea del Big Triple mi frullava in testa da un po’, e non vedo l’ora di iniziare, finalmente. Non c’è dubbio che sarà un’impresa ardua, sarà faticoso e raggiungerò i miei limiti sia fisici che mentali, tuttavia si tratta di una sfida entusiasmante, proprio perché farò tutto con le mie forze, con gli sci e con la bici. Ho al mio fianco una squadra fantastica, che mi sostiene e fa il tifo per me, mi sento in ottima forma e mi sono preparato bene. I presupposti ci sono tutti, ora manca solo che le condizioni in montagna e il meteo siano clementi” - Benedikt Böhm

La tempistica: Non stop, in meno di 30 ore

Il 26 aprile, alle 5 del mattino, Benedikt Böhm partirà da Bourg-Saint-Pierre per il Grand Combin. Verso mezzogiorno sarà tornato a valle e proseguirà diretto per il Gran Paradiso: per il percorso verso Pont Valsavarenche preventiva quattro ore con la bici. Verso le 16:00 del 26 aprile scalerà il Gran Paradiso e dopo aver raggiunto la cima tornerà a valle, arrivando verso le 22. Last but not least, la tabella di marcia prevede il Monte Bianco. A mezzanotte, dopo circa tre ore di percorso, Bene è atteso con la bici al parcheggio del Tunnel del Monte Bianco Chamonix, e da lì si dirigerà verso il suo ultimo obiettivo. Per la salita e discesa del Monte Bianco sono previste dieci ore.

 

Dal tunnel (1.300m) Bene imboccherà l’impegnativo percorso che porta attraverso il rifugio Grands Mulets (3.051m) sul Grand Plateau (4.000m), il bivacco Vallot (4.362) e il Bosset Grad fino alla cima del Monte Bianco, a 4.810 m. Se tutto va secondo i piani e le condizioni lo consentono, il 27 aprile sarà in cima al monte più alto d’Europa. Verso le 10:30 la sua squadra lo attende al traguardo finale, la piazza della chiesa di Chamonix.

Aggiornamenti sui social media 

Chi vuole seguire l'avventura di Bene troverà tutti gli aggiornamenti su DYNAFIT Instagram Kanal.

 

#SPEEDUP per il Big Triple di Bene Böhm

 

Partner
Supportato da Polartec, Aldi, Corratec & Sunlight Camper Vans